Selezionare la regione
Please choose a region

Nota:

Accettate le nostre linee guide sull’utilizzo di cookie e di Google Maps per poter utilizzare questa funzione: su questo sito web utilizziamo cookie per potervi mostrare le informazioni nel modo più rapido e semplice possibile. Vengono impostati anche cookie di terzi, in particolare di Google (servizi: Google Maps, Google Analytics). Informazioni dettagliate in merito sono riportate nella nostra informativa sulla privacy. Inoltre utilizziamo Google Maps per potervi mostrare rivenditori vicino a voi e per potervi offrire funzioni di ricerca migliorate. A tal fine viene trasmessa la vostra posizione e il vostro indirizzo IP a Google Maps. Accettate l’uso dei cookie e l’uso della Google Maps API per poter utilizzare il nostro sito in ogni sua funzione.

Non avete effettuato l'ultimo aggiornamento?

La vostra versione del browser non supporta tutte le funzioni della nostra homepage.
Vi preghiamo di aggiornare il vostro browser.

Ci serve il vostro consenso.

In questo sito web utilizziamo i cookie per potervi mostrare tutte le informazioni nel modo più semplice e rapido possibile. Per informazioni dettagliate al riguardo potete consultare la nostra informativa sulla privacy. Per poter sfruttare appieno il nostro sito web, vi invitiamo ad acconsentire all’utilizzo dei cookie e di Google Maps. Se non esprimete il vostro consenso, saranno utilizzati esclusivamente i cookie necessari e quelli relativi alla sicurezza. Tali cookie sono imprescindibili per l’utilizzo di questo sito web.

Impostazioni dei cookie

Qui potete personalizzare le impostazioni dei cookie sul nostro sito web. Di seguito e nella nostra informativa sulla privacy trovate informazioni dettagliate sui singoli cookie.

  • Informazioni necessarie.

    Nel momento in cui accedete al nostro sito memorizziamo automaticamente le impostazioni relative alla lingua, affinché possiate visualizzare la pagina nella lingua da voi scelta. Se cambiate attivamente tra paese e lingua, verrà applicata anche questa impostazione. Inoltre vengono memorizzati i dati collegati che, ad es. sono necessari per l’area My Bike, al fine di riconoscere l’utente in tutte le pagine. Lo stesso vale per l’informazione relativa al vostro consenso all’utilizzo dei cookie. Se non acconsentite, i cookie non vengono impostatii. Senza questi cookie non potete purtroppo utilizzare il nostro sito web.

  • Per la vostra sicurezza.

    Per un invio sicuro dei moduli, come ad esempio il modulo di contatto o per garantire la registrazione, utilizziamo un cosiddetto token csrf per la protezione dagli attacchi CSRF (Cross Site Request Forgery).

  • Per un’esperienza d'uso ottimale.

    Per potervi aiutare a trovare il più velocemente possibile un rivenditore, memorizziamo tramite i cookie i dati relativi alla vostra posizione sotto forma di indirizzo IP e/o codice di avviamento postale e siamo pertanto in grado di mostravi direttamente i risultati relativi alla vostra città e ai dintorni. A tal fine è necessario che acconsentiate all’utilizzo di Google Maps. L’utilizzo dei cookie è necessario anche per disattivare tutte le limitazioni di sicurezza basate sul vostro indirizzo IP. Non è inclusa alcuna informazione per l’identificazione dell’utente. Memorizziamo inoltre l’ultima e-bike che avete visualizzato.

  • Per le nostre statistiche e l’ulteriore sviluppo.

    Nel nostro sito web utilizziamo cookie di terze parti, in particolare di Google. Utilizziamo Google Analytics per la raccolta di dati statistici. A tal fine viene registrato un ID univoco attraverso il quale viene rilevato il comportamento dell’utente sul nostro sito web (numero di visite, durata della visita, ecc.) e vengono raccolte informazioni a scopi pubblicitari. Queste informazioni comprendono ad esempio le ultime ricerche fatte su Google o precedenti interazioni con annunci pubblicitari. Così possiamo mostrarvi annunci pubblicitari presenti su altri siti web che corrispondono ai vostri interessi. Inoltre, utilizziamo Google Maps per mostrarvi i rivenditori nelle vostre vicinanze e potervi offrire funzioni di ricerca migliori. A tal fine la vostra posizione e il vostro indirizzo IP vengono trasmessi a Google Maps. Per l’inserimento di video utilizziamo YouTube per scopi di tracciamento e analisi. È necessario anche il consenso alla disattivazione del tracciamento di Google per il relativo ID di tracciamento. I cookie contribuiscono inoltre ad ottimizzare le prestazioni del sito web e a garantire la sicurezza attraverso la memorizzazione di registrazioni provviste di firma digitale e codificate dell'ID del vostro account Google e dell’ultimo orario di collegamento. In questo modo Google può autenticare gli utenti, evitare l’uso fraudolento di informazioni di log-in e proteggere i dati degli utenti da terze parti non autorizzate. Si evita inoltre che il browser invii questo cookie insieme alle richieste Cross Site.

Rapporto: Per tutta la famiglia.

Le cargobike stanno conquistando le città. Ma possono davvero sostituire l’auto in qualsiasi situazione? Come affronta la frenesia quotidiana tra scuola materna, lavoro, spesa e tempo libero questo "moderno somarello"? Testata personalmente.

@Björn Hänssler

Per me la patente ha rappresentato una grande conquista in termini di libertà. Nell’entroterra dell’Eifel, guidare l’auto significava avere le chiavi per entrare in un mondo completamente nuovo, altrimenti quasi irraggiungibile. Ora invece, io, Christian Pauls, redattore della rivista MOUNTAINBIKE, vivo in città da ormai 15 anni e mi domando: riuscirei a vivere completamente senza auto? Con una famiglia, con due bambini?

L’uomo di campagna che c’è in me ha i suoi dubbi. Grossi dubbi. Tuttavia l’auto mi fa spesso pensare a strade intasate, discussioni sulle polveri sottili, divieti di circolazione. Da qualche tempo avverto dentro di me una crescente insoddisfazione nei confronti dell’auto. Esiste però un problema reale: a Stoccarda, la città dove ho scelto di vivere, l’utilizzo della bicicletta non è tanto diffuso come in altre grandi città. Tuttavia, dall’entrata in scena delle e-bike, di un sindaco verde e di un’amministrazione regionale verde, le cose stanno cambiando. Nella giusta direzione. Tra il centro di Stoccarda alla periferia ci sono 200 metri di dislivello. Questo non rappresenta un problema per una bicicletta con la pedalata assistita.

È per questo che da molto tempo mi sto chiedendo se non sia il caso di optare per una cargobike. Circolare con una cargobike dotata di motore elettrico dovrebbe essere infatti possibile anche in una città topograficamente complessa. I nostri bambini Matilda (4) ed Emil (2) devono essere costantemente accompagnati da un posto all’altro e tendenzialmente utilizziamo l’auto. La nostra prima tappa al mattino sono la scuola materna e l'asilo nido. In realtà, sono entrambi comodi da raggiungere perché si trovano sulla mia strada per il lavoro. Restano poi le lezioni di ginnastica, di musica e la spesa settimanale. E non vogliamo nemmeno rinunciare a portare i bambini in mezzo al verde. Se si vuole fare completamente a meno dell’auto, la bici diventa necessaria anche per gli acquisti più pesanti, ad esempio, di materiale edile.

Decido di affrontare questa sfida. Ci voglio provare in prima persona. Come test. Ce la farò davvero? Ai posti di partenza, pronti, via. I colleghi di KARL hanno ordinato per me da Riese & Müller una Packster 60 da utilizzare nei prossimi mesi. Con lo spazio per due bambini, un motore elettrico Bosch e una batteria di ben 1000 Wattora di potenza, è perfetta per i dislivelli della conca in cui si adagia Stoccarda. Prima regola: chiunque stia valutando l’acquisto di una cargobike, la deve prima di tutto testare. Questo nostro "somarello" multiaccessoriato in prestito costa ben 6928,40 Euro. Prima di fare un investimento di questo livello non ci si può limitare a sfogliare un catalogo. I requisiti da soddisfare sono molti: una prova è indispensabile.

@Björn Hänssler

Testata personalmente

Come redattore-collaudatore per MOUNTAINBIKE non ho avuto problemi a familiarizzare con il motore di questa mia nuova carrozza, ci siamo capiti sin dal primo momento. Il Bosch Performance Line CX da 75 Nm è installato su numerose mountainbike a pedalata assistita. Estremamente affidabile per le mountainbike da 20 chili, è tra i più potenti sul mercato. Ma sarà altrettanto convincente anche a bordo di una cargobike da 40 kg con un eventuale carico supplementare che può arrivare fino a 100 kg? E anche i singoli componenti come cambio e freni saranno altrettanto in grado di supportare un peso così elevato? Come collaudatore, sono questi i dubbi che mi vengono subito in mente, anche se in questa prova che condurrò in prima persona sono soltanto un aspetto marginale.

@Björn Hänssler

Da valutare è innanzitutto la praticità per una famiglia che deve farne un uso quotidiano. Una ruota anteriore piccola, il passo lungo, uno spazioso box in legno, i miei due bambini ispezionano meticolosamente la cargobike. “Sembra proprio comoda”, commenta Matilda osservando il panchetto rosso nel box in legno. Convincerli a sedersi a bordo è facile. Il giro di prova può iniziare. Tolgo lentamente il pesante veicolo dal cavalletto.

“Bello traballante” commenta Matilde osservando l'operazione, mentre io leggermente impacciato cerco di mantenere l’equilibrio. Nella partenza in piano si rivela comunque utile impostare il motore su un livello di assistenza basso. La bici non è scattante Passo velocemente alla modalità turbo e il giro in giostra può cominciare. Emil lancia subito gridolini di gioia. Matilda invece è diventata sospettosamente silenziosa. Non fiata. “Matilda? Tutto bene?” chiedo. “Non andare così veloce, papà!” esplode lei tenendosi stretta con le due mani al box. Non stiamo viaggiando neanche a 20 km/h e a 25 il motore si fermerebbe comunque. Non c’è motivo di preoccuparsi, come lasciano intendere le costanti risatine di Emil.

Il motto “la velocità aumenta la sicurezza” calza a pennello per questa cargobike. La bici lunga 185 centimetri è molto silenziosa anche quando viaggia a piena velocità ed è gradevole da manovrare. Non nego però che sia necessario abituarsi alla sensazione di insicurezza che si prova da fermi. A mia moglie Johanna è persino capitato una volta che la bici completa di bambini a bordo si ribaltasse da ferma. Ma non è successo niente. Entrambi erano saldamente legati e bene protetti nel box. La sicurezza è un tema che mi sta molto a cuore da quando abbiamo questa bici. Soprattutto quando, come avviene spesso a Stoccarda, si deve passare da una ciclabile alla strada. I bambini sono seduti davanti, in basso all’interno del box, in quella che nel caso di un’auto si chiamerebbe “zona di assorbimento dell'impatto”. Ho ancora una volta la prova che si debba fare ancora molto per la sicurezza delle bici in città. Sarò anche un pioniere, ma non a qualsiasi costo.

La sensazione di essere un pioniere è rafforzata anche dalle reazioni di tanti pedoni che restano fermi immobili e osservano sorpresi il nostro mezzo di trasporto. Molti si rallegrano forse semplicemente nel vedere i visi radiosi dei bambini.

Andare in bicicletta rende felici. Soprattutto Emil è talmente entusiasta che mi chiede di andare con la cargobike anche in una mattina di pioggia, rinunciando all’auto come avevo eccezionalmente programmato. Con i lacrimoni grida in continuazione “brum, brum” indicando il suo casco.

E va bene, mi infiloi pantaloni da pioggia e monto velocemente la cappottina per bambini. Il costante su e giù di Stoccarda mi mette un po’ alla prova. Personalmente trovo il motore Bosch un po’ troppo debole. La fatica si fa sentire soprattutto quando devo trasportare un carico pesante nelle salite ripide, ad esempio del materiale edile. Per il resto, l’equipaggiamento è fantastico. È tutto perfetto: freni, cambio, lucchetto in dotazione, così come la forcella ammortizzata.

A mia moglie e a me la cargobike ha fatto un’impressione positiva. Vado molto più volentieri a fare la spesa, adesso riesco a parcheggiare sempre davanti alla porta. Mia moglie prende la bici al posto dell’auto quando deve portare i bambini a ginnastica. E anche nelle gite più lunghe all’aperto il divertimento raddoppia. Per chi ha bambini la cargobike elettrica è un’invenzione fantastica. Anche il timore iniziale di Matilda si è trasformato da tempo in un grande entusiasmo. Dopo aver percorso oltre 600 chilometri con questa cargobike elettrica ci dispiace restituire la Packster 60. Non mi resta che risparmiare, perché potrei veramente abituarmi ad una vita senza auto.

6 Consigli per una maggiore sicurezza

Nel traffico i ciclisti sono i più penalizzati. Seguendo questi consigli potrete spostarvi con una cargobike con a bordo i vostri bambini in maggiore sicurezza

1

Obbligo del casco

Nonostante in Germania il casco non sia obbligatorio per i ciclisti, neanche per i bambini, sarebbe bene che adulti e bambini lo indossassero. Anche quando i bambini viaggiano “soltanto” nel box. E pensateci: voi siete l’esempio più importante per i vostri figli. Quindi: Mai viaggiare senza casco!

2

Abbigliamento visibile

Se possibile indossate capi chiari o persino colorati. In inverno meglio ancora se optate anche per le strisce catarifrangenti. Fate indossare un abbigliamento vistoso anche ai bambini. Spesso gli automobilisti tendono a mantenere maggiormente la distanza se vedono dei bambini a bordo.

3

Protezione antipioggia

Se utilizzate la cargobike al posto dell’auto, per le giornate di pioggia vi serviranno una cappottina per i bambini e indumenti impermeabili per voi. Non dimenticate assolutamente di mettere al riparo anche i piedi.

4

Protezione dal freddo

In inverno sia voi che i vostri bambini dovrete indossare uno strato in più di vestiti, altrimenti il divertimento passerà presto. Guanti e berretto sottocasco sono essenziali per tutti i conducenti.

5

Sicurezza per la bike

Un lucchetto molto buono è fondamentale se volete parcheggiare la cargobike in sicurezza. Se possibile, ordinate sin da subito un lucchetto fisso dal produttore

6

Sicurezza in caso di panne

Portate sempre con voi una pompa, attrezzi e camere d’aria adatte e materiale per le riparazioni in una piccola borsa che lascerete nel portaoggetti anteriore. Meglio ancora: incollate una striscia di velcro nel portaoggetti e cucite l’altra parte sulla borsa. In questo modo eviterete che gli attrezzi sbattano da una parte all’altra. In caso di panne non sarete mai impreparati.

1

Obbligo del casco

Nonostante in Germania il casco non sia obbligatorio per i ciclisti, neanche per i bambini, sarebbe bene che adulti e bambini lo indossassero. Anche quando i bambini viaggiano “soltanto” nel box. E pensateci: voi siete l’esempio più importante per i vostri figli. Quindi: Mai viaggiare senza casco!

3

Protezione antipioggia

Se utilizzate la cargobike al posto dell’auto, per le giornate di pioggia vi serviranno una cappottina per i bambini e indumenti impermeabili per voi. Non dimenticate assolutamente di mettere al riparo anche i piedi.

5

Sicurezza per la bike

Un lucchetto molto buono è fondamentale se volete parcheggiare la cargobike in sicurezza. Se possibile, ordinate sin da subito un lucchetto fisso dal produttore

2

Abbigliamento visibile

Se possibile indossate capi chiari o persino colorati. In inverno meglio ancora se optate anche per le strisce catarifrangenti. Fate indossare un abbigliamento vistoso anche ai bambini. Spesso gli automobilisti tendono a mantenere maggiormente la distanza se vedono dei bambini a bordo.

4

Protezione dal freddo

In inverno sia voi che i vostri bambini dovrete indossare uno strato in più di vestiti, altrimenti il divertimento passerà presto. Guanti e berretto sottocasco sono essenziali per tutti i conducenti.

6

Sicurezza in caso di panne

Portate sempre con voi una pompa, attrezzi e camere d’aria adatte e materiale per le riparazioni in una piccola borsa che lascerete nel portaoggetti anteriore. Meglio ancora: incollate una striscia di velcro nel portaoggetti e cucite l’altra parte sulla borsa. In questo modo eviterete che gli attrezzi sbattano da una parte all’altra. In caso di panne non sarete mai impreparati.

© by Motor Presse Stuttgart GmbH & Co. KG, 2019, Autor: Christian Pauls